prodotto4

PHOSPHENERGIE

 49.99

Integratore alimentare con edulcorante

Integratore alimentare di creatina, AAKG, beta-alanina, MCT, fosfatidilserina e acido lipoico, indicato per adulti che praticano attività sportiva. La creatina, assunta alla dose di 3g al giorno, incrementa le prestazioni fisiche in caso di attività ripetitive, di elevata intensità e di breve, media e lunga  durata.

70 disponibili

Categoria:

Descrizione prodotto

 

INGREDIENTI:MCT in polvere (trigliceridi a catena media ca.70%, proteine del latte, sciroppo di glucosio, emulsionante : E472c), creatina monoidrato, maltodestrine, arginina alfa-chetoglutararto (AAKG), aroma, acidificante: acido citrico, beta-alanina, lecitina di soia ricca in fosfatidilserina, acido alfa-lipoico, edulcorante: sucralosio.

 

TENORI MEDI PER DOSE GIORNALIERA 10 g

creatina 3 g

AAKG 1g

beta-alanina 100 mg

MCT 2,8 g

fosfatidilserina 15 mg

acido alfa-lipoico 15 mg

 

CREATINA:

La creatina (dal greco kreas=carne), o metil guanidinacetato, è un composto intermedio del metabolismo energetico (composto azotato tripeptidico) sintetizzato dal fegato e in parte anche dal pancreas a partire da arginina, S-adenosil metionina e glicina, ed è utilizzatonei muscoli dei mammiferi come fonte energetica durante i primi secondi della contrazione muscolare. Circa due terzi della creatina si deposita nell’organismo come fosfocreatina (PCr), mentre la parte rimanente è immagazzinata in forma libera.

La creatina è diventata uno dei supplementi ergogenici più studiati e scientificamente validati per gli atleti, per favorire le prestazioni fisiche durante un esercizio ad alta intensità [1]. Biochimicamente parlando, l’energia fornita per rifosforilare l’adenosina difosfato (ADP) ad adenosina trifosfato (ATP) durante e dopo un esercizio fisico intenso dipende in gran parte dalla quantità di fosfocreatina (PCr) depositata nel muscolo[2][3]. Con l’esaurimento delle scorte di PCr , la disponibilità di energia diminuisce a causa della incapacità di risintetizzare ATP nella quantità richiesta per continuare un’attività muscolare intensa (metabolismo anaerobico alattico)[2][3].

Di conseguenza, l’integrazione di creatina favorisce la disponibilità di PCr consentendo un tasso accelerato di risintesi di ATP volto a migliorare il recupero e l’efficienza muscolare[3][4]. La creatina monoidrato (CM), commercializzata nei primi anni novanta, è la forma di creatina più comune, alla base di gran parte degli integratori e prodotti alimentari dietetici più frequentemente utilizzati . A partire dalla fine degli anni novanta sono state introdotte sul mercato nuove forme alternative di creatina, volte a migliorarne alcuni aspetti come la solubilità e l’efficacia, anche se spesso con scarso successo. Ancora oggi la creatina monoidrato risulta una delle forme più efficaci, sicure, e ben studiate di creatina [5].

 

ACIDI GRASSI A MEDIA CATENA (MCT) :

I trigliceridi composti da questi acidi grassi, ovvero gli MCT, subiscono dei processi digestivi sostanzialmente diversi dai trigliceridi formati da acidi grassi a catena lunga (LCFA). La digestione degli LCFA richiede l’attivazione della lipasi pancreatica e dei sali biliari. Gli MCT al contrario non richiedono l’azione emulsionante dei sali biliari e vengono assorbiti più facilmente. Con altrettanta rapidità vengono successivamente sottoposti a beta-ossidazione, cioè a quella via metabolica che ha luogo nel mitocondrio e che porta alla produzione di energia a partire dai grassi. Non dovendosi legare alla Carnitina per passare attraversano la doppia membrana mitocondriale, la velocità con cui vengono metabolizzati sarà maggiore rispetto ai LCFA, e quindi forniranno a paragone, un quantitativo maggiore di Acetil-coA e quindi di energia in condizioni aerobiche.

Il metabolismo degli MCT quindi rappresenta in tal senso una via metabolica alternativa e/o complementare a quella glucidica e proteica , permettendo un risparmio di glicogeno, ma anche di amminoacidi a livello muscolare.

 

ARGININA ALFA-CHETOGLUTARATO (AAKG):

L’arginia alfa-chetoglutarato è una forma salina , nel quale due molecole di arginina sono associate ad una di alfa-chetoglutarato. L’arginina è un aminoacido semi-essenziale per l’uomo; infatti l’organismo è in grado di sintetizzarlo endogenamente mediante il ciclo dell’urea e rientra nel gruppo dei aminoacido glucogenetico, da cui si può sintetizzare glucosio . L’alfa -chetoglutarato, è un chetoacido molto importante dal punto di vista metabolico, poiché rappresenta un crocevia tra le reazioni cataboliche ed anaboliche. E’ un intermedio metabolico del ciclo di krebs, processo atto a favorire la produzione di energia in condizioni aerobiche; rientra nel processo di gluconeogenesi, permettendo la sintesi di glucosio partendo da fonti non glucidiche come gli aminoacidi; è inoltre un substrato di partenza per la sintesi di alcuni aminoacidi come il glutammato (quindi glutammina), prolina ed arginina.

 

BETA-ALANINA:

La β-alanina è un amminoacido naturalmente presente nel nostro corpo umano ma non si trova negli alimenti di per sé ma come componente peptidico. La questione interessante riguardo a questo amminoacido nell’attività sportiva, è che quando esso viene combinato con un altro amminoacido, l’istidina, viene a formare un dipeptide conosciuto come carnosina. Questa sostanza è normalmente presente nei muscoli, e agisce principalmente come un buffer (una sostanza che ha un effetto tampone) per gestire le variazioni del pH e quindi ritardare l’insorgenza dell’acidosi lattica nel muscolo (cedimento muscolare).

 

FOSFATIDILSERINA:

La fosfatidilserina oltre ad essere un importante fosfolipide di membrana soprattutto delle cellule celebrali, partecipa a numerosi processi neuroendocrini. Di fondamenta importanze è il ruolo che ha la fosfoserina nella regolazione dell’asse ipotalamo-ipofisi- surrene per quanto riguarda l’abbassamento dei livelli di cortisolo nel sangue . Questo porterebbe ad una minor senso della fatica, per una migliore performance e per rafforzare la massa muscolare.[6]

 

ACIDO LIPOICO:

L’acido alfa- lipoico anche noto come acido tiottico, è conosciuto soprattutto per il suo ruolo di cofattore enzimatico di molte reazioni metaboliche ,nella reazione di decarbossilazione ossidativa del piruvato, dell’alfa-chetoglutarato , degli aminoacidi a catena ramificata e soprattutto sembra essere implicato nei processi di neutralizzazione delle specie reattive dell’ossigeno come radical scavenger [7-8]

 

MODALITA’ D’USO:

1 misurino da 10g al giorno. Sciogliere in 150 ml d’acqua e assumere prima dell’allenamento.

 

AVVERTENZE:

non superare la dose giornaliera consiglia. Non usare in gravidanza e allattamento, in caso di patologie epatiche o renali, sotto i 18 anni e comunque per periodi prolungati senza sentire il parere del medico. Tenere fuori della portata dei bambini al di sotto dei 3 anni. Gli integratori non vanno intesi come sostituti di una dieta variata equilibrata e di un sano stile di vita. Prodotto e confezionato in uno stabilimento che lavora latte, uova, frumento,frutta a guscio , soia.

Conservare in luogo fresco ed asciutto, lontano dalla luce.

La data di scadenza si riferisce al prodotto correttamente conservato in confezione integra.

Integratore alimentare con edulcorante

Peso netto 300 g

 

Prodotto e confezionato in via Ponte Vecchio 81, Urbania (PU) per conto di Mame srl, Via Gran Bretagna, 75/83 41122 Modena

 

BIBLIOGRAFIA

1. Buford et al. International Society of Sports Nutrition position stand: creatine supplementation and exercise. J Int Soc Sports Nutr. 2007 Aug 30;4:6.

2. Hultman et al. Muscle creatine loading in men. J Appl Physiol. 1996 Jul;81(1):232-7.

3. Chanutin A. The fate of creatine when administered to man. J Biol Chem 1926, 67:29-34.

4. Harris et al. Elevation of creatine in resting and exercised muscle of normal subjects by creatine supplementation. Clin Sci (Lond). 1992 Sep;83(3):367-74.

5. Jäger et al. Analysis of the efficacy, safety, and regulatory status of novel forms of creatine. Amino Acids. 2011 May; 40(5): 1369–1383.

6. Michael Kingsley. Effects of Phosphatidylserine Supplementation on Exercising Humans. Sports Medicine Volume 36, Issue 8 , pp 657-669

7. Małgorzata Szeląg et. al. Quantum-chemical investigation of the structure and the antioxidant properties of α-lipoic acid and its metabolites. J Mol Model. Jul 2012; 18(7): 2907–2916.

8. Moini H, Packer L, Saris NE. Antioxidant and prooxidant activities of alpha-lipoic acid and dihydrolipoic acid..Toxicol Appl Pharmacol. 2002 Jul 1;182(1):84-90.

 

 

AVVERTENZE PER I CONSUMATORI
Quanto riportato in questo catalogo ha carattere puramente divulgativo e non sostituisce in alcun modo l’attenta lettura dell’etichetta del prodotto. Gli integratori alimentari non vanno intesi come sostituto di una dieta variata. Non assumerne in caso di ipersensibilità ad uno qualsiasi degli ingredienti presenti nelle formulazioni. Tenere lontano dalla portata dei bambini. Per gli integratori di proteine e creatina in caso di uso prolungato (oltre 6/8 settimane ) è necessario il parere del medico, inoltre gli stessi sono da sconsigliare in caso di patologia renale/epatica, in gravidanza e al di sotto dei 14 anni. Prima di iniziare qualsiasi programma dietetico con utilizzo di integratori alimentari è opportuno consultare il proprio medico. I suggerimenti vanno considerati alla luce delle condizioni di salute individuali. Workout sas non si assume responsabilità per qualsiasi uso non conforme a quanto riportato in etichetta. Eventuali decisioni che dovessero essere prese  sulla base delle descrizioni e delle informazioni qui fornite sono assunte in totale autonomia decisionale.

 

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “PHOSPHENERGIE”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *